Home » PREMIO MEDICI SCRITTORI

PREMIO MEDICI SCRITTORI


Premio Letterario "Socrem" Parma 2011"Premio letterario "Flaminio Musa" Parma

    PERCHE' UN CONCORSO LETTERARIOsella societa' per la cremazione

Volevamo creare qualcosa che rappresentasse un'occasione di incontro a partire da ciò che pensano i nostri soci o simpatizzanti sulle scelte che hanno compiuto pensando alla autodeterminazione e ai diritti ai quali si sono ispirati per orientarsi verso la cremazione o gli altri trattamenti del corpo.

Ci sembra di rispondere così ad alcune esigenze che ci è sembrato di cogliere parlando con le persone interessate a queste tematiche. Infatti molto spesso il confronto permette di raccogliere pensieri e impressioni che espongono ampi capitoli della vita delle persone dalle quali viene ricavato l'insieme dei motivi che orientano verso una scelta o un'altra. A volte i colloqui con quanti richiedono chiarimenti sui trattamenti di fine vita diventano una occasione di approfondimento ai quali va dato il valore di un vero e proprio bilancio del tempo vissuto, così ché l'argomento principale diventa la vita trascorsa, l'esperienza che si è avuta e ciò che rappresenta, e non tanto il trattamento in quanto tale.

Queste considerazioni hanno suggerito l'idea di bandire un concorso per raccogliere i pensieri di chi volesse scriverli, sui temi legati alla fine della vita, in prosa o in componimento poetico. Questa proposta vuole favorire il desiderio, che tanti hanno espresso, di raccontare la propria opinione e anche i sentimenti che si provano, su tematiche sulle quali ognuno prima o poi è chiamato a riflettere.

Può inoltre rappresentare anche un modo di trasmettere ad altri i convincimenti a cui si perviene quando si pensa ad eventi della vita. Da sempre le parole scritte sono la testimonianza di idee che possono essere comunicate e favorirne la comprensione a chi potrà leggerle.

Ci pare  anche di mettere così a disposizione un' iniziativa alla quale i soci e i simpatizzanti della So.crem  potranno partecipare se vorranno, per divertimento e per diffondere le scelte che loro stessi hanno compiuto, in una forma di comunicazione di contenuti etici e culturali che si possono mettere a confronto con quelli di altri. 

BANDO DI CONCORSO

 

PREMIO LETTERARIO "SOCREM PARMA"

 

La Società per la cremazione di Parma, indice per il 2011 la I edizione del "Premio Letterario SOCREM di Parma" aperto a tutti, per la presentazione di un racconto o testo poetico.

Gli elaborati dovranno contemplare, sia pure nell'ambito della più ampia libertà creativa ed interpretativa, la tematica della libera scelta di autodeterminare il destino finale del proprio corpo; non dovranno esprimere tanto dati tecnici o legislativi, quanto suscitare attraverso l'originalità, il contenuto dei pensieri, l'espressione letteraria e le immagini, stati d'animo per un coinvolgimento nel valore dell'autodeterminazione.

Gli elaborati non dovranno superare le otto facciate, spazio due e dovranno risultare inediti e mai premiati in altri concorsi. Dovranno essere corredati dalle generalità dell'autore, indirizzo, numero di telefono e da una dichiarazione di liberatoria per una eventuale pubblicazione del componimento inviato sia da parte della SOCREM che dell'autore. Gli scritti che non rispondessero integralmente ai suddetti requisiti saranno cestinati. Verranno premiati i primi tre classificati, a giudizio insindacabile della commissione esaminatrice; i premi dovranno essere ritirati personalmente nel corso di una cerimonia che si terrà in ottobre, indicativamente in concomitanza della giornata nazionale per la cremazione.

Una pergamena sarà consegnata a tutti i partecipanti.

E' richiesta una quota di partecipazione di 30,00€ (trenta/00).

Le opere concorrenti, in numero di 6 copie cartacee, dovranno essere inviate alla SO.CREM - p.le Rondani 3/b 43125 Parma - entro e non oltre il 30 di Settembre 2011 (data della spedizione farà fede il timbro postale). Luogo e data della premiazione saranno comunicati  successivamente a mezzo raccomandata a tutti i partecipanti.

 

Parma Maggio 2011  Il Presidente Rocco Caccavari

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

PREMIO LETTERARIO PER MEDICI SCRITTORI ITALIANI "FLAMINIO MUSA"

                                       QUESTO PREMIO
 
Questo Premio nasce da una passione:
Dalla esperinza raffinata della propria sensibilità Flaminio Musa,medico e intellettuale,
 ha voluto trasferire nella società letteraria italiana la narrazione di storie dei professionisti della medicina che avviene per il contatto quotidiano con la malattia.
Questo premio nasce da una idea:
Attraverso l'ascolto del rumore di fondo diffuso delle paure,del dolore,delle speranze e delle attese che costantemente segnano gli eventi di uno stato di malattia, Flamio Musa si sentì coinvolto dalle emozioni percepite e pensò di costituire intorno a queste un modo di trasmettere la stessa tenione con il linguaggio delle testimonianze.Egli,poeta essenziale e scrittire profondo nei comcetti, capace di esprimere   in lirica la sua vita di partigiano,di medico e di cittadino, ha organizzato il concorso letterario,oggi alla trentaduesima edizione, per creare una possibilità di incontro e riconoscimento di tutte quelle fatiche fisiche e morali consumate dai medici con dedizione per i pazienti.
Tutto questo progetto è affidato   al racconto che um medico può impostare attraversando la propria vita e la sua malattia,o la vita e la malattia delle persone che assiste.
La complessità del rapporto tra la persona e il suo male fisico ha consentito in seguito di allargare ai professionisti psicologi la partecipazione al Premio determinandone così la disponibilità in un ambito più ampio alla rappresentazione letteraria delle sofferenze.
Questo premio nasce da ua generosità:
Flamio Musa è stato un esempio concreto di attivista del volontariato, dimostrandosi con il continuo impegno delle sue risorse umane e professionali, costruttore di solidarietà e di cultura.
Questo Premio letterario è infatti un risultato,conseguito tra gli altri,della sua intensa attività svolta per decenni in qualità di Presidente della Lega Italiana per la lotta contro i tumori di Parma.
A questa esperienza è dovuta la scelta di limitare il contenuto dei racconti a storie che riguardano le neoplasie e tale indicazione è la prova del valore che Flaminio Musa dava alla umanizzazione della relazione curativa per mezzo dellla espressione di emozioni e sentimenti attraverso la scrittura.
Il Premio che è espressione della attività della Lega di Parma che lo prpone da oltre trentanni, è una occasione offerta ai medici e agli psicoloci coinvolti nei processi drammatici di uma malattia che sfida, spesso vince e sempre ferisce, per raccontarsi e raccontare pezzi di vita.


------------------------------------------------------------------------------

Scaricare il bando in pdf